Beach Land | Fondamentali del beach volley: la ricezione
58779
post-template-default,single,single-post,postid-58779,single-format-standard,qode-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,beach land-ver-1.4.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1300,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Fondamentali del beach volley: la ricezione

La ricezione è uno degli elementi fondametali per una buona padronanza del gioco del beach volley. Impostare una corretta ricezione permette di difendere e soprattutto di impostare una nuova giocata. Per prima cosa è molto importante assicurarsi di avere una posizione stabile sia con i piedi che con le gambe. I piedi devono essere leggermente più larghi rispetto alle spalle; una gamba un po’ più arretrata rispetto all’altra ed enetrambe le ginocchia piegate in avanti. Questa posizione di partenza degli arti inferiori permette di essere pronti a qualsiasi scatto verso ogni direzione di arrivo della palla.

Per quanto riguarda la posizione e il movimento delle braccia, la tecnica più utilizzata (e più conosciuta) è quella del bagher. Il bagher può essere di “ricezione” quando ferma una palla di un servizio avversario, o di “appoggio” quando arriva una palla facile dal campo avversario. Durante la posizione del bagher le braccia devono essere tese in avanti e le mani o devono congiungersi sormontandosi una sopra l’altra con i palmi girati verso l’alto, oppure avvicinarsi tanto che i pollici si affianchino. La cosa fondamentale è che la presa sia particolarmante solida. Una volta che le mani sono unite bisogna fare attenzione che i pollici siano rivolti verso il basso e i gomiti delle braccia tendano ad avvicinarsi, così da poter aver maggiore spinta per respingere la palla.