Beach Land | Fondamentali del beach volley: schiacciata
58791
post-template-default,single,single-post,postid-58791,single-format-standard,qode-core-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,beach land-ver-1.4.1,vertical_menu_enabled, vertical_menu_left, vertical_menu_width_290, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,grid_1300,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

Fondamentali del beach volley: schiacciata

Eccoci arrivati all’ultimo fondamentale del beach volley: la schiacciata! Schiacchiare sotto rete rappresenta la base del gioco offensivo ed è una delle principali cause che possono regalare un punto alla propria squadra. Se non sapete schiacciare difficilmente la vostra squadra potrà vincere un matvh. Saper schiacciare nel modo giusto, effettuando una corretta coordinazione tra salto e tocco della palla, non è una cosa semplice ed in più evidenzia che ci deve essere una buona sintonia tra il giocatore che alza la palla (alzatore) e chi poi la schiaccerà. Vediamo quali sono i principali movimeti da imparare e da continuare a rifare durante l’allenamento. Fondamentale per il buon esito di una schiacciata è il: punto di stacco, cioè il momento in cui si inizia a saltare. Saltare troppo in anticipo o troppo in ritardo potrebbe vanificare ogni vostro sforzo. Se si salta troppo presto, la schiacciata potrebbe risultare in potenza troppo debole (dunque facilmente prendibile dall’avversario), mentre se si salta troppo tardi ci potrebbe essere il rischio che la palla prenda una traiettoria sbagliata. Effettuare un tocco perfetto richiede che iniziate la rincorsa verso la rete camminando, per poi darvi un spinta in verticale con le gambe. Le braccia devono essere tenute all’indietro e nell’instante in cui si stacca da terra, il braccio deve fare un movimento veloce e repentino in avanti come se fosse un colpo di frusta. Esistono due tipologie di schiacciata: quella diagonale e quella parallella. Quella parallella è il tipo di smash più potente e va eseguita dando le spalle al vostro campo, mentre quella diagonale, va effettuata creando un angolo di 50° rispetto alla propria posizione di stacco. La schiacciata diagonale non è semplice da eseguire ed è anche quella più “pericolosa” per gli avversari se la palla ha una buona potenza. La palla in tutti e due i casi deve essere colpita con il palmo della mano aperto.

Come già scritto, schiacciare rappresenta un momento di grande coordinazione sia con il proprio corpo che con il compagno di squadra, dunque l’unico modo per ottenere dei buoni risultati è continuare ad allenarsi! Tutti in campo!

Beach Land